SERVIZI OFFERTI E MEDICINA INTEGRATA

 

La Medicina Integrata è quella concezione di medicina che considera la persona, momento centrale della cura, come "unicum" derivante dall'integrazione delle dimensioni strutturale, biochimica e mentale-emozionale. Essa mette a disposizione dell'individuo tutti gli strumenti che possono apportare dei benefici e aiutarlo a guarire. Grazie alla Medicina Integrata è stato superato il dualismo tra medicina convenzionale e non convenzionale, terapie classiche e terapie alternative: nella Medicina Integrata le varie discipline ed in particolare quelle scientificamente validate vengono vagliate dal medico e, caso per caso, utilizzate in modo integrato e adeguato alle caratteristiche del singolo paziente.

 

Anche nel corso della stessa seduta terapeutica lo Studio Medico si avvale frequentemente di più tecniche in modo integrato. 

 

Servizi offerti dallo Studio Medico:

- Medicina Integrata

- Fitoterapia Moderna

- Galenica e Fitogalenica

- Terapia del Dolore

- Tecar Terapia

- Pressoterapia

- Magnetoterapia

- Crenoterapia

- Ultrasuono-Elettro-Terapia

- Protocolli di Cura Personalizzati

- Mesoterapia Senza Aghi

- Veicolazione Transdermica

- Screening Funzionalita' Respiratoria

- Medicina Estetica Non Invasiva

- Oasi Relax e Tisaneria 

 

Tutte le terapie effettuate sono di tipo non doloroso e non invasivo.

 

 

 

 PROMO E NOVITA' DELLO STUDIO MEDICO ALLA PAGINA FACEBOOK "Studio Medico Dott.ssa Elisabetta Frascari"

https://www.facebook.com/Studio-Medico-Dottssa-Elisabetta-Frascari-2024952964212033/ 

FITOTERAPIA MODERNA E GALENICA: COSA SONO E A CHI SI RIVOLGONO

 

Le piante da sempre hanno rappresentato per l'uomo la principale fonte medicamentosa. La varietà e la complessità del mondo naturale hanno ispirato i chimici e i fisici di tutto il mondo spingendoli a riprodurre in laboratorio le molecole dotate di attività farmacologica. In questo contesto si è sviluppata la farmacologia classica, che si basa sull'utilizzo di singoli principi attivi (i farmaci tradizionali sono infatti denominati "monomolecolari").

Negli ultimi anni le ricerche nell'ambito della fitochimica sono progredite enormemente e, anche grazie al miglioramento delle tecniche di isolamento e di caratterizzazione degli estratti vegetali, hanno permesso di comprendere i complicati meccanismi che sottostanno alla biosintesi dei prodotti naturali. Si sono quindi aperte le porte ad un nuovo tipo di farmacologia e di terapia medica, basate non più sulla somministrazione del singolo principio attivo bensì sull'utilizzo contemporaneo di un insieme di molecole prodotte dalla pianta: il fitocomplesso.

La possibilità di somministrare i principi attivi vegetali sotto forma di fitocomplesso fornisce numerosi vantaggi, sia in termini di efficacia terapeutica (poichè le molecole del complesso agiscono tra loro in modo sinergico) sia per quanto attiene ai processi di metabolizzazione del farmaco (e dunque anche agli eventuali effetti collaterali), dal momento che i fitocomplessi sono ricchi di molecole antiossidanti e con effetti protettivi su tutti gli organi del corpo umano.

La fitoterapia moderna costituisce una risorsa per la collettività poichè nasce dal connubio tra l'esperienza millenaria nell'utilizzo delle piante medicinali e il preziosissimo contributo apportato dagli studi scientifici moderni, che ne hanno permesso l'applicazione su larga scala e con ampi margini di sicurezza. A questo scopo è indispensabile che tutte le cure fitoterapiche siano prescritte esclusivamente da un medico esperto in fitoterapia, anche al fine di monitorare adeguatamente il paziente nel corso del suo iter.

 

Chiunque può trarre giovamento dall'utilizzo dei fitomedicamenti, sia per la prevenzione delle malattie sia nella loro cura. La fitoterapia è una disciplina trasversale: si occupa delle patologie più comuni di tutti gli organi e apparati, senza tralasciare gli aspetti legati allo stress e agli squilibri psicoemotivi.

Molti dei rimedi fitoterapici possono essere somministrati anche ai bambini, dopo aver adeguato la forma farmaceutica e modulato la dose terapeutica (vedi sotto la sezione dedicata alla galenica).

 

Alcune patologie che possono beneficiare della fitoterapia sono:

- le sindromi influenzali e "da raffreddamento" (riniti, sinusiti, faringo-tonsilliti, bronchiti)

- artrosi, lombalgie / cervicalgie, patologie muscolo-tendinee, lesioni traumatiche e sportive

- ipercolesterolemia, alterazioni del metabolismo glucidico / lipidico, eccesso ponderale

- stress, insonnia, alterazioni dell'umore

- debolezza del sistema immunitario e infezioni recidivanti

- dolori mestruali, sintomi della menopausa, cistiti

- ipertrofia prostatica benigna, calcolosi renali

- emicrania, gastriti, dermatiti di varia natura

- asma e allergie

- stipsi, colon irritabile, malattie infiammatorie intestinali

- prevenzione dello stress ossidativo, dell'invecchiamento cellulare e delle patologie cardiovascolari

- PEFS (panniculopatia edemato-fibro-sclerotica), ritenzione idrica, insufficienza venosa, squilibri circolatori, sindrome emorroidale e altre sindromi varicose.

 

Galenica e Fitogalenica - dal nome di Galeno, un medico greco vissuto nel II sec. d.C. - costituiscono l'arte di preparare medicamenti (denominati "farmaci galenici"), allestiti per lo più in estemporanea, a partire da droghe grezze di origine vegetale e/o sintetica.

Questo approccio terapeutico trova indicazione in tutti quei casi in cui in commercio non esistono preparazioni adeguate alle necessità del paziente e rappresentano per eccellenza la forma di cura personalizzata.

In particolare le preparazioni galeniche e fitogaleniche permettono di:

 - personalizzare i dosaggi del farmaco

 - personalizzare le combinazioni dei principi attivi, potenziando l'attività terapeutica

- escludere particolari eccipienti (per es. nei casi di intolleranza al lattosio)

- variare la forma farmaceutica (per es. assemblare uno sciroppo al posto di una compressa)

- assumere principi attivi difficilmente reperibili poichè poco presenti sul mercato farmaceutico

- assumere preparati medicamentosi instabili, dunque poco adatti alla commercializzazione su larga scala 

TERAPIA DEL DOLORE

Per la terapia del dolore vengono utilizzate più metodiche, anche nel corso della stessa seduta, secondo un approccio integrato che mira ad ottimizzare i risultati.

Alcune tecniche possono rivelarsi utili sia quando utilizzate da sole, sia come trattamenti propedeutici che preparano alla fase successiva (per esempio stimolando la vascolarizzazione dell'area da trattare per aumentare l'assorbimento farmacologico oppure attivando le cellule del tessuto per renderle più responsive). 

Per la somministrazione dei farmaci (monomolecolari, fitocomplessi o entrambi) lo studio medico si avvale anche di una particolare tecnica di veicolazione transdermica, che rappresenta l'evoluzione della "mesoterapia senza aghi". 

Come regola generale è preferibile che il paziente affronti il percorso terapeutico-riabilitativo dopo aver consultato lo specialista e/o effettuato specifici accertamenti: l'ottenimento di buoni risultati nella terapia del dolore è infatti legato anche alla realizzazione di un inquadramento corretto in fase diagnostica.